Archivio: On demand

Musica usata online. E’ legale?

di Guido Scorza

 

E’ lecito vendere musica digitale di seconda mano? E’ questa la domanda che rimbalza, in queste ore, dalle colonne dei principali quotidiani americani a quelle del quotidiano francese Le Monde.

All’origine della domanda, questa volta, non c’è la dichiarazione-bufala di Bruce Willis, preoccupato di poter lasciare, in eredità, alle sue figlie il proprio enorme patrimonio di musica in digitale comprata su Itunes ma il giudizio, davanti ad un Giudice di New York, che vede da una parte ReDigi una piccola startup di Boston e dall’altra la Capital Records, un’etichetta discografica, oggi di proprietà del colosso Vivendi.



I fatti sono di una linearità disarmante, specie in relazione alle conseguenze che – per quanto improbabili – potrebbero determinare sul mercato della musica online.

La startup, attraverso un apposito software ed una propria piattaforma, dopo aver verificato che la musica digitale dei propri utenti sia stata legittimamente acquistata e che questi abbiano effettivamente intenzione di liberarsene – e non già di farne, semplicemente, una copia da rivendere – consente di rivendere i file mp3 di seconda mano, percependo una commissione tra il 5 ed il 15% e consentendo ai singoli titolari dei diritti – se iscritti ad un apposito programma – di percepire, a loro volta, delle royalties su ogni vendita.


Continua a leggere »


GOOGLE: RIVOLUZIONE TV PER YOUTUBE

AVRÀ 100 CANALI DIVISI IN 19 CATEGORIE
ACCORDI CON SOCIETÀ MEDIA E CON HOLLYWOOD

New York, 29 ottobre 2011. Rivoluzione Youtube. Il popolare sito di condivisione di video si arricchisce di 100 canali con contenuti originali e la partecipazione di molte star, dalla cantante Madonna al rapper Jay-Z, dall'attore Ashton Kutcher all'ex star dell'Nba Shaquille ÒNeal. Google, a cui fa capo YouTube, ha stretto partnership con società media, case di produzione di Hollywood e creatori di video online per realizzare i 100 canali, molti dei quali saranno disponibili il prosismo anno. Complessivamente saranno prodotte 25 ore di programmazione al giorno.

 

 


Continua a leggere »


Il book on-demand, ovvero numero di copie che si vuole e testo personalizzato

di Pino Fondati

 

In Italia, le (tante) case editrici di piccole dimensioni stampano in media 10 mila copie di ogni libro che entra a far parte del loro catalogo, ne vendono in media 5-6000, a magazzino restano giacenti 4-5000 copie. Sembra che in un anno le copie complessive dell'editoria italiana, invendute e destinate al macero siano circa 72 milioni: uno spreco impressionante di soldi e di carta.

 

Da questi dati è partita Re.Be.L per un suo progetto di book on-demand. Re.Be.L è una piccola azienda torinese attiva nei servizi di stampa digitale e logistica che in 50 metri quadrati (così amano raccontarsi…) ospita tre realtà che in pratica costituiscono la filiera completa di un prodotto editoriale. Un mestiere "antico" che si avvale della stampa digitale che notoriamente presenta il grande vantaggio della personalizzazione.

 


Continua a leggere »


Scrittore fai da te in testa alle classifiche in Uk

Meglio di John Grisham e di Stieg Larsson: uno scrittore britannico che si pubblica per conto proprio ha sfondato le classifiche di Amazon.co.uk, la versione britannica del colosso del libro online, mantenendo per tre mesi il primo posto nella hit parade dei libri piu' venduti sul Kindle.

 

Stephen Leather ha occupato l'ambito 'numero uno' in classifica vendendo circa 2.000 copie al giorno grazie a un mix geniale di auto-promozione e politica dei prezzi. Leather scrive romanzi d'azione ambientati tra Londra, New York e l'Estremo Oriente.

 

Due dei suoi thriller, The Stretch e The Bombmaker, sono stati tradotti in telefilm da Sky Television. Ma in questi giorni il suo settimo libro, The Basement su un serial killer che terrorizza la Grande Mela, detiene il primo posto su Amazon da oltre due mesi consecutivi.

 

Un primato, con 'La ragazza che giocava col fuoco' di Larsson mestamente al terzo posto.
Non contento, Leather e' riuscito a mettere un altro thriller, Hard Landing, al quarto posto, e un divertimento d'autore sui vampiri, Once Bitten, all'undicesimo. Il tutto grazie alla decisione di massimizzare le vendite prezzando il click di acquisto al minimo consentito da Amazon, 70 centesimi di sterlina o 99 centesimi di dollari.

 


Continua a leggere »


« Notizie meno recenti